"....Voi dovete vivere giorno per giorno, non dovete pensare ossessivamente al futuro.

Sarà un'esperienza durissima, eppure non la deprecherete.

Ne uscirete migliorati.

Questi bambini nascono due volte.

Devono imparare a muoversi in un mondo che la prima nascita ha reso piu' difficile.

La seconda dipende da voi, da quello che saprete dare. Sono nati due volte e il percorso sarà più tormentato.

Ma alla fine anche per voi sarà una rinascita."

 

Tratto da "Nati due volte " di G.Pontiggia.

Ultime notizie

14/03/2016

Convegno NASCO BENE VIVO MEGLIO

18 Marzo 2016“NASCO BENE, VIVO MEGLIO: ITINERARI E LUOGHI DI PREVENZIONE e DI CURA. Sinergie, Collaborazioni, proposte metodologiche ed...

 

22/12/2015

ASSOCIAZIONE APOS ONLUS AUGURI DI BUON NATALE

Cari amici, sarà questo un Natale importante, pieno di attesa per i nostri bambini, i nostri ragazzi, per noi che attendiamo ogni giorno una...

 

   

BACHECA ONLINE

Messaggio inviato il 19/01/2017: Buon giorno, mi chiamo Sandro vivo in Sardegna in provincia di Cagliari padre di un bimbo che
adesso ha otto anni, al momento della sua nascita si è verificato un problema e anzichè fare la
manovra specifica in questi casi, hanno usato la ventosa provocandole una paralisi ostetrica al
plesso brachiale. Noi non sapevamo minimamente che potessero succedere cose di questo tipo
e vedendo il bambino che muoveva solamente il braccio sinistro e invece il braccio destro
sollevandoglielo le riccadeva giù, abbiamo chiesto spiegazioni, così che abbiamo voluto
approfondire la cosa prima delle dimissioni nonostante il ginecologo che era in sala parto ci
disse che non era niente di grave che con un po di fisioterapia si sarebbe risolto tutto, la
mattina seguente il Pediatra neonatale volle parlare con me e mi disse del problema, io non
sapevo nemmeno cosa volesse dire PARALISI OSTETRICA, ci consigliò subito di fare una
radiografia dopo di che una elettromiografia e da li videro che non c'era nemmeno un nervo
attivo nel braccio destro : PARALISI OSTETRICA COMPLETA,Rottura Dei Nervi: Polso, gomito,
bicipite e dita. Allora ci consigliò lui stesso L'Ospedale Gaslini di Genova specializzati in questo
settore, parlò lui stesso con il Proffessor Chirurgo Filippo Senes, prese appuntamento, a due
mesi di vita di mio figlio eravamo al Gaslini, tra disperazione, pianti, ma con la forza di voler
curare nostro figlio, io e mia moglie non abbiamo perso tempo, ci siamo affidati a loro, fatta la
risonanza magnetica hanno deciso che l'intervento si poteva fare, nel fratempo ci hanno
consigliato fisioterapia passiva in un centro a Milano, il centro SAPRE Dottoressa CHIARA
MASTELLA specializzata in fisioterapia VOITA e tante altre cose, iniziò la fisioterapia e ci fece un
corso per poter fare noi a nostro figlio la fisioterapia di cui aveva bisogno, a Tre mesi il
bambino ha fatto l'intervento, 12 ore di sala operatoria (non finivano mai) finchè finalmente
uscì il chirurgo e ci disse che era andato tutto bene, tirammo un bel sospiro di solievo. Dopo un
mese gli tolsero il tutore che gli avevano messo per non muovere il braccio e la testa, vedemmo
gia qualche piccolo movimento e iniziò il lungo percorso di fisioterapia, ogni mese che passava
faceva movimenti in più, all'età di 5 anni fece anche un'altro intervento per l'extrarotazione
della spalla, mio figlio ha recuperato anche la sensibilità alle dita movimenti del polso del gomito
e rotazione della spalla, sta diventando un bravo nuotatore e ogni tanto scrive con la mano
destra. Grazie a Professor Senes a tutti i fisioterapisti e a tutte le persone che ci hanno
sostenuto in quei non facili momenti. Durante le prime visite, prima dell'intervento abbiamo
deciso di fare causa a l'ospedale in cui è nato mio figlio e tramite altre persone che avevamo
conosciuto ci consigliarono L'Avvocato Antonini di Roma, persona veramente in gamba, così
prese in mano la causa e dopo tanto lavoro da loro eseguito, Grazie a L'Avvocato Laura Antonini
siamo riusciti a vincere la causa. Non che i soldi cambino le cose che sono sucesse, ma una causa
vinta è una battaglia vinta nei confronti di chi ancora oggi fa dei danni anche più gravi di questo
che è successo a noi durante un parto.
Grazie di averci dato l'oportunita di condividere il nostro racconto.
Non perdete mai la forza di combattere.
19/01/2017

 

LEGGI TUTTO