Bacheca online

Questa sezione raccoglie le lettere ricevute dai genitori, utili a instaurare dibattiti o semplicemente per testimoniare e rassicurare chi, in questo momento, sta attraversando momenti difficili.

Di seguito troverete le lettere già pubblicate, ma è anche possibile inviare la propria o rispondere ai messaggi presenti in bacheca. Per motivi di riservatezza le e-mail pervenute verranno valutate e successivamente pubblicate.

 

Clicca qui per inviare un messaggio

 

- Bacheca 2017

- Bacheca 2016

- Bacheca 2015

- Bacheca 2014

- Bacheca 2013

- Bacheca 2012

- Bacheca 2011

- Bacheca 2010

- Bacheca 2009

- Bacheca 2008

- Bacheca 2007

- Bacheca 2006

- Bacheca 2005

- Bacheca 2004

- Bacheca 2003

- Bacheca 2002

 

Pag. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Messaggio inviato il 01/02/2011

Buongiorno. Volevo parlarvi della mia esperienza: ho 32 anni e anche io alla nascita (kg. 3.200) per vari errori verificatesi in sala parto ho avuto una paralisi ostetrica al braccio destro.... fortunatamente grazie alla costanza di mia madre dopo fisioterapia (metodo Vojta) e piscina per dieci lunghi anni ora il mio braccio ha recuperato pienamente la funzionalità è solo leggermente più debole dell'altro..... la ripresa in effetti è stata lunga ma ottima ma...che fatica!!!!! Mia madre allora non ha intentato nessuna causa (un po la paura, un po l'ignoranza....), è andata così.
Triste casualità della vita a Dicembre ho avuto una bambina (kg. 4.360!!!!) e anche a lei è successa la stessa cosa.... fortunatamente il suo problema si è rivelato da subito molto meno grave: si trattava di stiramento del plesso brachiale dx con rottura clavicola mentre per il mio braccio si trattava di lesione. I medici e le ostetriche hanno detto che ha fatto tutto "da sola" che, poichè era una bambina cosi grossa (è nata anche 14 gg dopo il termine con parto indotto...- 13 ore di sala parto!!!), ha avuto un difficile disimpengo delle spalle.... sarà vero?!!??? Adesso ho fatto domanda per avere la cartella clinica.
Non vorrei essere in cattiva fede ma visti i miei precedenti sono un po prevenuta (a mia mamma avevano detto che era tutto nella norma, mi hanno fasciata dicendo che nel giro di 20 gg tolta la fasciatura avrei mosso il braccio... ma dove?!). Comunque probabilmente la cosa per mia figlia finisce qui perchè ora ha un mese e mezzo e il braccio sta avendo un ottima ripresa, lo muove già come l'altro con un po meno forza che mi dicono migliorerà ora che lo muove... speriamo! Mi sono presa un bello spavento!!!!!!
Vi ringrazio per l'attenzione......

Silvia

RISPONDE MAURIZIO RAIA - APOS SAVONA



Per quanto lo si possa ritenere beffardo e imprevedibile il destino riserva sempre sorprese, e così ci si ritrova a rivivere con i propri figli esperienze già vissute sulla propria pelle; causalità degli eventi, fortuna, sfortuna.....!

Però, quando si partorisce in un ospedale e non in una capanna ci si aspetta di essere nelle mani di uomini preparati, pronti a risolvere qualsiasi situazione negativa, anche la più imprevedibile; passi che la distocia di spalla (dichiarato in campo medico evento imprevisto e imprevedibile) sia il flagello di Dio che si abbatta matematicamente in ogni sala parto dove compaiano complicanze durante e dopo il parto, ma nel suo caso un po' di attenzione in più era dovuta, macrosomia fetale un ritardo di 14 gg, una probabile famigliarità al parto distocico.......ovviamente dati di scarso valore se raffrontati al costo di un parto cesareo.

Valuti con serenità la possibilità di intraprendere un'azione legale nei confronti di chi, offendendo la sua intelligenza, ha osato dirle che la bimba aveva fatto tutto da sola.

Lo stiramento della sua bimba, vedrà, si risolverà senza conseguenze per la sua e la vostra vita.

Vi auguro ogni bene.

Raia Maurizio.


 


 

Messaggio inviato il 01/02/2011

ciao sono Pinuccia la mamma di aurora , volevo dire alla signora Tiziana che mi fa piacere leggere che a vinto la causa . io purtroppo lo persa dopo 4 anni o sperato tanto e lottato tanto x una cosa che tenevo e che fino a oggi o dentro.ai ragione si devono trovare le persone giuste . mia figlia a una paralisi nel braccio destro e stata operata a 2 anni e fino a oggi fa terapia ma siamo a dei buon risultati adesso ne 5 di anni . io la penso come lei di non mollare x loro e spero di riuscirci come a fatto lei. auguri . pinuccia.

 


 

Messaggio inviato il 27/01/2011

ciao federica voglio ringraziarti perche grazie a internet e alla tua associazione ho potuto approfondire e capire meglio il mio problema della paresi ostetrica come sai io vivo in germania da quando ci siamo conosciuti che mi hai indicato il dottore che si occupa della paresi ostetrica qui in germania mi sono sottoposto a due interventi con buoni risultati dal punto di vista estetico ieri sono tornato per la visita di controllo con mia moglie e i miei due stupendi bambini voglio dire che a volte bastano delle semplici parole per far sentire bene chi si trova in difficolta alla mia domanda al dottore se si poteva ancora intervenire chirurgicamente mi ha detto di no e come puoi immaginare mi sono sentito scoraggiato ma dopo voltandosi e quardando mia moglie e i bambini mi ha detto ritieniti fortunato di avere una bella famiglia cosa vuoi di piu di questo a queste parole dallo sconforto sono passato in un momento di vera felicita credimi queste parole non le potro mai dimenticare le portero sempre nel mio cuore grazie federica di tutto quello che fai un abbraccio grazie veramente.

Grazie Ezio, sono contenta di esserti stata d'aiuto.
E' vero : internet è una gran cosa, permette di condividere la vita senza neanche essersi mai visti.. ma la nostra storia di paralisi ostetrica, entrambi segnati , tu personalemnete e fisicamente, io solo come madre , ci rende capaci di fare e tentare cose importanti per migliorare fisicamente ,ma anche spiritualmente! Guarda dove sei arrivato ! Che cos' hai costruito! Continua a curarti , cioè a prenderti cura di te delle preziosità che possiedi.. i tuoi figli guardandoti cresceranno sicuri e forti .
Ciao
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 25/01/2011

Ciao Alessia, mi chiamo Tiziana ed anch'io ho un bambino di 8 anni affetto da paralisi ostetrica al braccio dx. Ho letto con molta attenzione il tuo commento e mi sorprendo come la causa non sia andata avanti. Anch'io, come tutte credo, ho fatto causa alla clinica dove è nato mio figlio per risarcimento. All'inizio è stata dura perchè non volevano ammettere la colpa dell'ostetrica, ma dopo 6 anni, dopo varie visite medico legali di Mattia, dopo vari accertamenti richiestimi dalla clinica, e soprattutto dopo la bravura del mio avvocato, la causa si è conclusa con il risarcimento adeguato. Premetto che io ho partorito a Lecce, quindi nel sud, dove vince chi ha più conoscenze. Devo anche ringraziare il medico legale di parte che ha preso a cuore la storia di Mattia e per lui era disposto a ricorrere in Cassazione.
Ti dò un solo grande consiglio...............LOTTA sempre e cerca di far valere i tuoi, anzi i suoi, diritti.
Tiziana

 


 

Messaggio inviato il 23/01/2011

Sono il papà di un bimbo nato da parto naturale il 01/12/2007.Il peso del bambino era di Kg. 5,360. La mamma non era affetta da nessuna patologia.In seguito ho incentrato una causa contro l'ASL, perchè a mio figlio è stata procurata una paralisi ostretica. Oggi vengo a sapere tramite il mio Avvocato che il CTU nominato dal giudice ha espresso parere negativo, escludendo qualsiasi tipo di colpa ai medici. Come è possibile che a mia moglie, nonostante il giorno precedente si era recata in ospedale perchè accusava dolori, e la mattina del parto è rimasta 4 ore in attesa di un visita, nessuno si è preoccupato di fare una ecografia per effettuare un parto cesareo, visto il peso del bambino. Come posso agire adesso? Mio figlio grazie alle terapie e ad un intervento chirurgico di ben 8 ore sta migliorando, resta pur vero che il danno esiste e resterà per sempre. In attesa di una vostra risposta. Grazie

Chiedete un' approfondimento della perizia , vantate errore da parte del ctu del tribunale, resistete..non è detto che il giudice civile dia seguito a quanto detto dal ctu se , con una serie di prove e giurisprudenza su questi casi, viene dimostrato che si sbaglia, ..,ma il vostro perito non era presente? Comunque non datevi per vinti , avete ragione e anche se con un pò di fatica , avrete ragione
federica gismondi

 


 

Messaggio inviato il 23/01/2011

Sono la mamma di un bambino di 4 anni affetto purtroppo da paralisi ostetrica.seguiti fin dai primi giorni da una fisioterapista grazie alla quale i risultati non si sono fatti attendere.il nostro è un percorso comune a tanti altri genitori(gaslini,risonanza magnetica,eletromiografia,etc).La fisioterapia dopo 3 anni è stata ridotta ad un giorno per settimana compensata dalla piscina consigliata anche dal Prof.Gilbert.Ci riteniamo molto fortunati in quanto il recupero è stato molto buono.L'unico rammarico è quello di non avere avuto la possibilità di avere un pò di giustizia per il nostro bambino.Ci siamo rivolti ad un avvicato e di conseguenza ad un primario di ginecologia,il quale con la cartella clinica alla mano ci ha risposto che nel momento espulsivo non c'erano altre cose da fare.tuttri hanno agito nell'unico modo possibile per salvare il bambino.Probabilmente è vero ,ma io mi chiedo se non c'ra qualcosa da fare durante la gravidanza;come preventivare on parto cesareo viste la dimensioni del bambino o farlo nascere qualche giorno prima.Forse queste mie tesi non bastano però per capire di chi è stata la responsabilità.Le chiedo gentilmente un consiglio legale anche se a distanza di 4 anni.Un sincero grazie.Alessia

Gentile Signora Alessia,
guardi che il medico a cui deve rivolgeri è il medico legale!, certamente un ginecologo non dirà mai che dovevano fare certe manovre e che se sua figlia ha la paralisi ostetrica è perchè le manovre non sono state fatte o sono fatte nel modo sbagliato. Le consiglio di andare avanti, civilmente , di citare l'ospedale dove ha partorito e non i medici nello specifico, per evitare eventuali contro citazioni per diffamazione nel caso individuasse i nomi dei sanitari presenti durante il parto. Vada avanti è un diritto di sua figlia e suo ad avere giustizia. Chieda anche consiglio al Dr. Senes per quanto riguarda eventuali nomi di medici legali che pssano essere preparati sulla materia e siano di supporto alla causa, non si lasci scoraggiare ha tempo ancora 6 anni, ma non apsetti più e si faccia dare ragione. Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 23/01/2011

Salve, ho 31 anni e sono affetta da paralisi ostetrica mano destra,
la mia domanda è: quali miglioramenti si possono ottenere con l'intervento? C'è a milano un ospedale specializzato per avere una consulenza?
Grazie mille!


RISPONDE DR FILIPPO SENES

Gentile Sig.ra, a Milano può rivolgersi alla casa di cura convenzionata MultiMedica Uo Chirugia della Mano diretta dal Prof. Pajardi, oppure all'Ospedale S. Gerardo di Monza UO Chirurgia della Mano diretta dal Dr DelBene. Cordiali saluti FILIPPO SENES

 


 

Messaggio inviato il 21/01/2011

sono la mamma di un bambino....davide nato nel 2002...affetto da paralisi ostetrica al braccio sx...con lesioni ai nervi c5 c6....con una buona ripresa...a parte la testa dell omero compromessa....adesso dopo 2 anni di attesa ci hanno chiamato x l intervento a genova....volevo sapere..dove possiamo alloggiare...durante la degenza...avete dei nomi di pensioni,o affittacamere....da darci per organizzarci un po??????????grazie stefania

Gentile Signora ,
dietro il Gaslini c'è la casa d'Accoglienza dell'Associazione CILLA che acoglie i parenti dei bambini ricoverati, credo con modicaspesa; so che l'associazione ha anche altri appartamenti dove fa accoglienza sempre nella zona, Via Carrara 148 - 16147 Genova , tel. 010 3730782
In bocca al lupo
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 21/01/2011

ciao sono un ragazzo di 29 anni mi chiamo vincenzo sono affetto come voi da paralisi ostetrica e la prima volta che vengo su questo sito inutile dirvi che ho rivisto me e la mia famiglia in quelle righe piangevo a dirotto nn pensavo ci fosse stata tanta gente con il mio stesso problema ad oggi sento ancora il peso del mio deficit nn mi e passata ancora avvolte piango solo pur avendo una famiglia che mi a sempre amato e coccolato sento che ce ingiustizia FORSE NN HO ANCORA ACCETTATO LA MIA SITUAZIONE MA AMMETTO CHE ME LA CAVO BENE AD OGGI NN LAVORO PUR ESSENDO ISCRITTO ALLE CATEGORIE PROTETTE ma niente manco a pagarlo il mio sognio sarebbe quello di realizzarmi nella vita lo spero con tutto mestesso vi ringrazio per lattenzio ne un abbraccio a tt voi grandi e piccoli eroi con affetto vins

GRAZIE, DAVVERO GRAZIE
federica gismondi

 


 

Messaggio inviato il 20/01/2011

buon giorno a tutti ,scrivo su questa bacheca innanzitutto per ringraziarvi!!!io ho 27 anni e solo grazie a voi sono riuscita a capire che cos'è la p.o.!!!!!e grazie ai consigli che mi avete dato sono anke riuscita ad ottenere un invalidità anke se solo del 46%!!!cmq vi riscrivo (oltre che per ringraziarvi) perchè nell'ultimo anno il mio braccio dx è molto peggiorato : ho dolori atroci su tutto il braccio il collo la spalla ed ora anke all' interno della mano e al pollice!!!io lavoro in un call center ed è inevitabile x usare il pc x almeno 5 ore al giorno e sono arrivata al punto che x me spostare la mano dal mouse alla tastiera è ogni volta un dolore assurdo all'interno del mio braccio dx(che viene ripetuto almeno centinaia di volte al giorno)oltre al fatto che a volte x evitarmi questo dolore mi aiuto con il braccio sinistro con il complesso che i miei colleghi vedano questa manovra!!!vorrei sapere dal punto di vista medico cosa potrei fare x trovare un pò di sollievo!!!e vorrei anke kiedervi se conoscete qualke dottore nella provincia di Catanzaro che tratta questi problemi (visto che sono andata da un rinominato dott. del luogo e mi ha detto dopo avermi fatto fare radiografie ed elettromiografia che nn può far niente x il mio problema e i miei dolori!!!)Vi ringrazio tantissimo sia i consigli che mi avete già dato e che per quelli che mi darete!!!quello che fate x i bimbi, x i genitori e x tutte le persone colpite da questo problema è stupendo!!!
PS: colgo l'occasione per kiedervi anke se con la percentuale d'invalità che mi è stata "concessa" e visto il fatto che lavoro è possibile x me iscrivermi nelle liste speciali dell'ufficio di collocamento!!!ringrazio nuovamente tutti voi e aspetto una vostra risposta!!!Felicia T.

Carissima Felicia , mi fa piacere di verti un pochino aiutato; per quanto riguarda i tuoi fotri dolori , ti trasmetterò la e-mail di risposta del Dr. Senes a cui ho girato il tuo messaggio. Ti rcordo però che la fisioterapia va fatta tutta la vita, o almeno attività motoria discreta per mantenere la muscolatura attiva e capace di supportare dove è necessario.
Per l'iscrizione alle liste protette credo tu non abbia problemi, vai al centro per l'impiego e chiedi di parlare con la persona che si occupa di far trovare lavoro nelle situazioni di diversa - abilità. Credo possano aiutarti .
Ti ringrazio molto delle belle parole e ti faccio i miei più sentiti auguri a che tu possa trovare un lavoro che tifaccia felice. Ciao
Federica

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011


mio figlio ha subito una paresi nel 04 ed io a oggi nn mi do pace.i dottori mi hanno riempito di bugie nn inserendo il loro operato errato sul corpo di mio figlio e mia moglie. ora li sto portando in giudizio.voglio sapere cosa è successo

Gentile Signor P.,
La paralisi ostetrica è un danno da parto causato da manovre erate nell'estrazione del neonato. Noi tutti genitori con figli affetti da p.o. non avremo mai pace, ma dobbiamo vivere , dobbiamo crescere anche noi , diventare sempre più intelligenti e curiosi per aiutare loro e renderli lieti e forti. Chiedere giustizia e ragioni per quanto è successo , com'è accaduto a me, non soddisfa completamente ma afferma il diritto delle persone , grandi o piccole ad avere una cura ed un'attenzione puntuali che le salvino , che non le rovininino per il resto della loro vita. Io convivo con il rancore .. ho impararato ad offrirlo a Dio perchè non so che farmene e spesso è tamente forte che mi soffoca. Mi aiuti Lui, Faccia Lui tutto quanto è possibile per mio figlio Andrea , sostenendo anche me nelle scelte con suggerimenti ed incontri utili a curarlo.
Io so che il destino a cui è chiamato mio figlio è difficile, in salita, ma con il nosro aiuto si affronteranno tutte le cose e saprà diventare grande con più corggio e determinzione di altri.
Le faccio i miei miglori auguri
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011

io sono padre che ha un figlio affetto da paralisi ostetrica,ed è dal 2004 (dal momento che ha cambiato la mia vita)ad oggi non trovo la pace cn me stesso,il colpo di grazia l'ho ricevuto dall'avv. questi sn stati i due punti scatenti del mio star male.ora è il momento di sapere la verita.voglio sapere cos'è successo in sala operatoria.in poche parole:sto facendo causa ni confronti dei doot e della struttura x tentato omicidio occultamento di prove falsa testimonianza.il medico e l'ostetrica erano arrivati a combinare un macelloe grazie aal'intervento del mio dott di fiducia,il peggiore delle ipotesi è stato scampato.io ho le prove che il primo dott in questione era presente prima dell'operato durante e alla fine.ma starno il suo operato nn è registrato in cartella, e nn si evince nemmeno la firma.xrchè.il secondo dott in questione a operato senza guanti e seza camice,e posso provarlo.xche il 2 dott in questione nn ha registrato la vera situazione al suo arrivo.perche a operato senza nulla e ha coperto l'operato dell'altro medico invece di denunciare l'accaduto.perchè da qul momnto nn mi sento piu padre.x quando riguada le tre paralisi ostetriche,il vosto aiuto mi serve a dimostrare come viene sfruttata l'ignoranza del comune cittadino dinanzi a persone che si definiscono avv.ho prove iniziando da me il primo che l'operato di qusti signori sono il colpo di grazia a chi è gia a terra. cmq. nn credevo in una risposta,ma vedendo la vostra serità,vi chido di aiutarmi, darmi consigli sul tentato omicidio(ho testimonianze di prsone competenti in sala operatoria durante l'accaduto?e che nn faceva parte dell'equipe,ma è un infermiera professionale che lavorava un qul periodo in mdicina)vi saluto e asptto vostre risp

Gentile Signore,
non capisco bene quanto mi descrive; per l'esperienza che ho acquisito negli ultimi 16 anni , da quando è nato mio figlio, il giudizio penale , di solito , finisce male , e si diventa vittime 2 volte.. nessun giudice condanna medici penalmente , uomini che, se pur hanno sbagliato rovinando la vita di suo figlio, per professione le vite le salvano. Io le consiglio il civile , la richiesta di risarcimento danni, tenendo ben presente che se la cartella non riporta l'accaduto o è stata "corretta" , ciò costituisce falso in atto pubblico, reato assai grave per chi svolge pubblico servizio...
Guardi le cause civili riportano la verità dei fatti e portano un ristoro che consente almeno di curare i figli, anche se nel caso nostro non si è ottenuto quanto si volevae perche il legale si è messo d'accordo con la controparte.... se desidera parlarmi 3408963170 , 0131772371

saluti
federica gismondi

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011

sto x portare in sede di giudizio tre prsone affette da paresi ostetrica e che anno suprato i dieci anni dei trmini previsti dalla legge.vi chiedo una mano e vi invio i piu cordiali saluti. aspetto vostre notizie

Gentile Signore,
non ho capito in che modo avvia una causa a favore di tre persone diverse affette da paralisi ostetrica; nella stesa causa? ma è stata avviata la causa ? al momento non mi risulta accettata l'iistanza in nessun caso presentata oltre i 10 anni dal verificarsi dell'evento che ha causato la paralisi ostetrica. Non so in che modo potrei aiutarla, ... tentare d'iniziare una casua oltre i termini di prescrizione, temo sia solo uno spreco di tempo e di denaro; se viene accolta l'istanza per l'avvio del processo me lo faccia sapere , sarebbe una grande novità.
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011


mio figlio ha subito una paresi nel 04 ed io a oggi nn mi do pace.i dottori mi hanno riempito di bugie nn inserendo il loro operato errato sul corpo di mio figlio e mia moglie. ora li sto portando in giudizio.voglio sapere cosa è successo

Gentile Signor P.,
La paralisi ostetrica è un danno da parto causato da manovre erate nell'estrazione del neonato. Noi tutti genitori con figli affetti da p.o. non avremo mai pace, ma dobbiamo vivere , dobbiamo crescere anche noi , diventare sempre più intelligenti e curiosi per aiutare loro e renderli lieti e forti. Chiedere giustizia e ragioni per quanto è successo , com'è accaduto a me, non soddisfa completamente ma afferma il diritto delle persone , grandi o piccole ad avere una cura ed un'attenzione puntuali che le salvino , che non le rovininino per il resto della loro vita. Io convivo con il rancore .. ho impararato ad offrirlo a Dio perchè non so che farmene e spesso è tamente forte che mi soffoca. Mi aiuti Lui, Faccia Lui tutto quanto è possibile per mio figlio Andrea , sostenendo anche me nelle scelte con suggerimenti ed incontri utili a curarlo.
Io so che il destino a cui è chiamato mio figlio è difficile, in salita, ma con il nosro aiuto si affronteranno tutte le cose e saprà diventare grande con più corggio e determinzione di altri.
Le faccio i miei miglori auguri
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011



Cara Federica,

volevo ringraziarti per tutto quello che fai per evitare che ad altri bimbi succeda quello che è successo ai nostri! ho provveduto a fare un altro bonifico che trovi in allegato, in modo da aiutarti ancora un po' per l'acquisto del manichino!

Ti ringrazio anche per il nominativo che mi avevi dato delle Fisioterapiste dell'ospedale di Alessandria, siamo già andate un paio di volte ed abbiamo iniziato con il fisiotaping, sono molto soddisfatta!

Ti auguro un felice Natale e soprattutto che il prossimo anno ti porti tutto quello che desideri.

Ti abbraccio

Tiziana

Grazie Tiziana , dell'aiuto economico e delle parole ti sono grata davvero. Spero che la terapia sia utile noi non l'abbiamo fatta con il bendaggio perchè mio figlio è troppo grande e si vergogna . Mi hanno detto che c'è una fisioterapista molto brava che fa questa terapia (imparata al Meyer di firenze) che si chiama Gisella e lavora all'ospedale di ovada (tel 0143826527).
Mi farebbe piacere che tu partecipssi alla conferenza stampa quando presenteremo il progetto , probabilmente a gennaio. Abiti vicino ad alessandria?
Non so se ti è possibile ma sarà fatta ad alessandria a palazzo ghilini , il plazzo della provincia di alessandria in piazza della libertà 17 ,probablmente di mattina intorno alle 11, che è l'orario comodo ai giornalisti. Non so ancora quando ma se credi ti faccio sapere la data per essere presente.Grazie ancora di tutto e buon fine anno.
Federica

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011


ricambio gli auguri e sempre per rimanere in tema(purtroppo le feste non bastano a non pensare)le vorrei chiedere se mi può indicare un medico dell'ospedale meyer che si occupa delle paralisi ostetriche poichè la ma bambina ha quasi 7 mesi e ne è affetta(spalla dx),io mi trovo a napoli (e qui purtroppo sè vuoi essere seguito ti rimandano continuamente a medici che se non vai negli studi privati nemmeno ti guardano...e di possibilità economiche non ce ne sono chissà quante--) ma avendo sentito parlar bene del suddetto presidio vorrei far visitare la bambina,oppure mi hanno detto di rivolgermi al dott.Senes a genova,in attesa di una vostra risposta le faccio ancora tantissimi auguri di tanta serenità

Gentile Signore , all'aspedale Meyer di Firenze, ospedale pubblico, lavora la dottoressa Davidson che ha creato un importante centro che si occupa di fisioterapia e riabilitazione nella paralisi ostetrica,è fisiatra ed ha redatto le uniche linee guida esistenti sulla riabilitazione della paralisi ostetrica :
Ospedale Pediatrico Meyer
Viale Pieraccni 24
50139 Firenze

Tel.055/5662952 Segreteria telefonica

e_mail: fisioterapia@meyer.it

Per quanto riguarda il Dott. Senes so che viene a visitare al sud, privatamente , mentre per visite al Gaslini bisogna prenotare al centro prenotazione
Sul sito del Gaslini leggo che l'Istituto è attualmente collegato al CUP metropolitano per la prenotazione della prima visita Ortopedica e che la prenotazione può effettuarsi dalle ore 8:00 alle ore 12:00 presso lo sportello n. 6 dell'Ufficio Prestazioni Ambulatoriali, presso tutti i punti CUP dell'Area Metropolitana, contattando il call center al numero 0105383400.

In ogni caso il n. di cell a cui risponde il DR. Senes è 3482259500.

Fatemi sapere .

Buon Natale

Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011


Salve, sono un ragazzo di 21 anni affetto da paralisi ostetrica al braccio sinistro causato da un errore medico durante il parto. Ritengo che questa patologia causata da altri abbia condizionato e condizionerà per sempre la mia vita sotto tutti gli aspetti: lavorativo, attività sportive ed anche a livello sociale. Vorrei una Vostra risposta per quanto riguarda un risarcimento del danno fisico ed anche quello morale. Vi ringrazio e con fiducia attendo una risposta. Distinti Saluti Giulio

Preg.mo Sig. Giulio,
la richiesta di risarcimento danni per la giurisprudenza italiana ha una prescrizione di 10 anni dall'evento dannoso. Lo so non è giusto ma purtroppo è così. Almeno per il momento anche se la causa intentata da coloro che erano stati infettati da trasfusioni infette e che si erano accorti della causa scatenante dopo anni , ha dato qualche spiraglio in quanto il ministero della salute ha provveduto a risarcire.
Restaiamo in contatto.
Le faccio i miei migliori auguri di buon natale.
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 19/01/2011

Buongiorno, sono la mamma di G., una bimba che proprio oggi compie 3 anni. E' affetta da paralisi ostetrica , siamo seguiti legalmente pe ril risarcimento, e purtroppo continuano a negarci la legge 104. Oggi e' arrivato il responso dell'inps, al quale avevamo fatto ricorso, scrivendo che NON ASSUME connotazione di gravita',art.3 comma 1 della legge 104/92. Siccome conosco altri bambini affetti da p.o., e hanno la legge 104, come devo comportarmi? Il mio patronato al quale mi sono rivolta, mi ha spiegato che se questa volta fosse stata negata la legge 104, saremmo dovuti entrare in causa. Non c'e' altro modo ? Vi ringrazio sin d'ora. G.a e' seguita dal dott. Senes al gaslini, dove ha gia' subito un intervento di neurotizzazione , con nervo accessorio spinale. Dalla risonaza magnetica fatta nel luglio 2008 risulta che e' stata avulsa la radice c 8 dal midollo, mentre le altr sono state tutte strappate a livello periferico. Distinti saluti K. B.

Gentile Signora,
se il patronato vi aiuta a far causa, cioè vi avvia la causa gratis chiedendo solo, in caso di vittoria, il 10% della vincita , come di solito fanno i patronati,.. perchè non fare causa all'inps? la 104 vi è stata applicata, ma non la gravità che consente al genitore che lavora di avere 3 g. al mese, pagati , per seguire le terapie del proprio figlio..è un diritto irrinunciabile se esistono i requisiti...
fatemi sapere ...
Federica gismondi

 


 

Messaggio inviato il 18/01/2011

Ciao a tutti,sono la mamma di Aurora 11 anni nata sanissima ,come dico sempre, io ma,per colpa di una manovra diciamo così"errata"ha subito lo stiramento del plesso brachiale con conseguente p.o.
Abbiamo effettuato tantissima fisioterapia che le ha permesso di flettere il braccio(che invece prima era inerme...).La domanda che vorrei porre è la seguente:Ad ottobre abbiamo effettuato la visita di rinnovo del verbale d'invaladità,e la commissione medica senza NEMMENO VISITARE mia figlia(si sono limitati a chiederle se riusciva a muovere il braccio..??.) l'ha giudicata NON INVALIDA!!!!! Ora io non voglio ASSOLUTAMENTE far passare mia figlia per invalida ad ogni costo,ma lei porta ancora addosso i segni di una manovra "sbagliata"!!!!Il suo braccio destro si estende solo fino al 70% circa!Sono consapevole del fatto che ci sono bambini che stanno peggio di lei,ma non mi sembra giusto che oltre al danno dobbiamo subire anche la beffa!!!Nel 2005 anno in cui abbiamo fatto domanda di invalidità mia figlia è stata giudicata come "minore con difficoltà a svolgere le funzioni proprie dell'età".Oggi a distanza di 5 anni per la commissione medica(senza visitarla) è MIRACOLOSAMENTE guarita!!!Ha ancora delle limitazioni nei movimenti,si il braccio lo usa,ma ci sono alcuni movimenti che non riesce a fare!!Come posso fare per far valere quelli che a mio avviso sono i diritti di mia figlia,visto che ripeto E'NATA SANA!!!!E oggi deve convivere con questo "PROBLEMA"per colpa di altri.
Scusate il mio sfogo........mamma Catia




Quanto da lei scritto riconferma sempre di più che il sistema socio-sanitario italiano ha effettivamente bisogno di un radicale cambiamento.

Le potrei citare decine e decine di casi in cui inspiegabilmente vengono negati ai nostri figli diritti che dovrebbero essere inalienabili, eppure, l'incompetenza di approssimative commissioni mediche negano sistematicamente.




Io personalmente mi sono trovato davanti ad una commissione che avrebbe dovuto esaminare lo stato della patologia di mio figlio e invece, e non voglio polemizzare, mi hanno candidamente chiesto se il bambino riusciva a camminare...!




Ma il fascicolo di referti medici che ho loro prodotto qualcuno lo avrà letto?


RISPONDE MAURIZIO RAIA - APOS SAVONA


La risposta nella maggior parte dei casi è “NO!”, se avessero letto la documentazione medica che lei ha prodotto si sarebbero resi conto che la paralisi ostetrica è e rimane una lesione permanente, dalla quale non si guarisce completamente bensì si migliora nel tempo con molti sacrifici e molta fisioterapia.

Non disperi, faccia un ricorso ben circostanziato e vedrà che in seconda istanza non potranno negare ad Aurora quello che è un suo e vostro “DIRITTO”.




Vi auguro ogni bene.

Raia Maurizio.


 


 

Messaggio inviato il 01/01/2011

mio figlio ha subito una paresi nel 04 ed io a oggi nn mi do pace.i dottori mi hanno riempito di bugie nn inserendo il loro operato errato sul corpo di mio figlio e mia moglie. ora li sto portando in giudizio.voglio sapere cosa è successo

Gentile Signor Pietro,
La paralisi ostetrica è un danno da parto causato da manovre errate nell'estrazione del neonato. Noi tutti genitori con figli affetti da p.o. non avremo mai pace, ma dobbiamo vivere , dobbiamo crescere anche noi , diventare sempre più intelligenti e curiosi per aiutare loro e renderli lieti e forti. Chiedere giustizia e ragioni per quanto è successo , com'è accaduto a me, non soddisfa completamente ma afferma il diritto delle persone , grandi o piccole ad avere una cura ed un'attenzione puntuali che le salvino , che non le rovininino per il resto della loro vita. Io convivo con il rancore .. ho impararato ad offrirlo a Dio perchè non so che farmene e spesso è tamente forte che mi soffoca. Mi aiuti Lui, Faccia Lui tutto quanto è possibile per mio figlio Andrea , sostenendo anche me nelle scelte con suggerimenti ed incontri utili a curarlo.
Io so che il destino a cui è chiamato mio figlio è difficile, in salita, ma con il mio aiuto si affronteranno tutte le cose e saprà diventare grande con più coraggio e determinzione di altri.
Le faccio i miei miglori auguri
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 29/12/2010

Buon giorno, sono la mamma di una ragazza di 17 anni con paralisi ostetrica al braccio destro, parlando con
la fisioterapista, mi ha detto che forse ho diritto ad avere l'Indennità di frequenza dall'Inps (Invalid.cicile)
però io lo ho saputo soltanto ora che la ragazza ha 17 anni. (Ora sta frequentando la Scuola Superiore)
Se faccio la domanda e mi viene accettata, volevo sapere se ho diritto a richiedere detto importo dall'Inps
anche per i 5 o 10 anni precedenti alla domanda fatta, visto che prima non ne eravamo a conoscenza.
Attendo Vs. gradita risposta in merito, oppure chiedo se mi può indicare a chi posso fare la stessa domanda
se voi non siete al corrente.
Grazie e cordiali saluti.
STEFANIA

Gentile Signora,
a seguito di specifica richiesta all'INPS, la sua figliola sarà sottoposta a visita dalla commissione invalidità che potrà accertare la situazione psico-fisica e stabilire se ha diritto ad avere l'indennità di frequenza che è di circa 264euro al mese e partire dal giorno in cui è stata presentata la domanda; al 18 anno di età verrà nuovamente visitata per verificare il permanere delle limitazioni. Se il deficit persiste , per avere una pensione d'invalidità , dovrà trattarsi di una minorazione pari o maggiore al 75%; se non avesse tale percentuale può comunque avere facilitazioni con l'iscrizione nelle liste speciali per intraprendere un'attività lavorativa.
Mi spiace che in questi anni nessuno l'abbia informata dei suoi diritti, mi spiace veramente.
Vi faccio i miei migliori auguri
Federica Gsimondi

 


 

Messaggio inviato il 25/12/2010

Salve, sono un ragazzo di 21 anni affetto da paralisi ostetrica al braccio sinistro causato da un errore medico durante il parto. Ritengo che questa patologia causata da altri abbia condizionato e condizionerà per sempre la mia vita sotto tutti gli aspetti: lavorativo, attività sportive ed anche a livello sociale. Vorrei una Vostra risposta per quanto riguarda un risarcimento del danno fisico ed anche quello morale. Vi ringrazio e con fiducia attendo una risposta. Distinti Saluti Giulio

Preg.mo Sig. Giulio,
la richiesta di risarcimento danni per la giurisprudenza italiana ha una prescrizione di 10 anni dall'evento dannoso. Lo so non è giusto ma purtroppo è così. Almeno per il momento, anche se la causa intentata da coloro che erano stati infettati da trasfusioni infette e che si erano accorti della causa scatenante dopo anni , ha aperto qualche spiraglio in quanto il ministero della salute ha provveduto a risarcire.
Restiamo in contatto.
Le faccio i miei migliori auguri di buon natale.
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 24/12/2010

Natale 2010


Carissimi amici,



volevo innanzitutto ringraziarvi delle donazioni che avete inviato all’associazione e che hanno raggiunto ben il 50% del necessario; io non potevo più aspettare ed ho anticipato il resto perché soffro troppo, come tutti voi, e spero che il nostro progetto riduca il numero dei casi di paralisi ostetrica.
Ho ordinato il manichino ed appena possibile verrà fatto un contratto di comodato d’uso gratuito con l’azienda ospedaliera in modo da vincolare l’utilizzo del manichino alla realizzazione dei corsi , e venga fatto tutto il necessario per usare bene questo strumento.
Il primo risultato raggiunto è stato che una delle ginecologhe coinvolte nel progetto , poiché si era impegnata per la bozza delle linee guida sulle manovre che salvano i neonati nel parto con distocia di spalla, trovandosi di fronte il caso in sala parto lo ha risolto senza problemi, e questo mi sembra un primo ottimo risultato…!

In primavera il reparto di ginecologia dell’ospedale di Alessandria farà un convegno sul parto, a seguito dei numerosi casi di parti problematici descritti sulle cronache dei giornali e verrà presentato il nostro progetto del manichino e dei corsi in quella sede; v'informerò delle date in modo, che se lo desiderate, possiate partecipare insieme a me per mostrare quanto sia importante il fatto che i genitori intervengano con intelligenza per risolvere i problemi.

Io mi sento di aver fatto una cosa buona , mi sento che insieme stiamo salvando il destino di molti bambini.

Per questo vi ringrazio tutti per ciò che avete fatto, per il coraggio che avete e che dimostrate anche nelle vostre lettere, per la forza e la voglia di lottare che mi date anche sostenendo questo progetto


GRAZIE AMICI, GRAZIE DAVVERO E BUON NATALE!



FEDERICA GISMONDI

 


 

Messaggio inviato il 16/12/2010

cara paola ti ringrazio per le tue parole, io spero con tutto il cuore che sia davvero come dici tu ... a marzo il mio bimbo subirà un secondo intervento e solo dopo pensavo (con mio marito) di ricominciare la piscina.ANCHE secondo me il mio piccolo nn ha bisogno dello psicologo solo che a volte mi sembra che vedano solo quello che vogliono loro allora io vado su tutte le furie invece di rinquorarmi ma! ringrazio anche federica per la sua risposta cmq la ragazza è una fisioterapista che fa acquacità da sola col mio g.m. faccio in anticipo gli auguri di natale a tutti un bacione bambini

 


 

Messaggio inviato il 16/12/2010

ciao Rossella, sono Paola ho letto il tuo disagio e la tua disperazione, io non sono un medico ma una mamma come te con il tuo stesso problema, a volte i bambini sono semplicemente stanchi, stufi di questi continui stimoli. Subiscono lo stress, non credo che il tuo bimbo abbia bisogno di un medico. Semplicemente di una pausa! Lo so si ha sempre paura di fare poco, di perdere tempo prezioso ma credo che se loro non collaborano e comunque peggio! Prova a mollare per un attimo le lezioni con l'insegnante, e vai Tu nell'acqua con Lui e anche con il fratellino magari gli ritorna il piacere di stare in acqua. Io ho fatto così e ti assicuro che con buoni risultati.
Ciao Paola

 


 

Messaggio inviato il 15/12/2010

carissima federica guarda nn ho parole mio figlio nn vuole più entrare in acqua infatti ha sospeso la piscina perchè è inpensabile continuare cosi con lui che piange.MI è STATO consigliato di far vedere il bambino dallo psicologo questo suggerimento viene dalla ragazza che lo segue in piscina,ma mio figlio ha solo 2 anni a casa è sereno gioca col fratellino ride e scherza cosa mi consigli di fare? aspetto tue notizie rosella

Gentile Rosella,
da quanto scrivi non comprendo se si tratta di un'istruttrice o di una fisioterapista che fa acquaticità; se si tratta di una semplice istruttrice , che insegna a più bambini può essere che il bambino non si senta sicuro . Mio figlio a quell'età faceva sì attività in acqua ma sempre con il salvagente, e devo dire che non aveva tanta utilità anche perchè il braccio era poco mobile. Non so se ti può servire ma se scorri le ultime pagine della bacheca leggerai di un centro a Massa Carrara dove lavora un "terapista " di nome Boris che so lavora in acqua molto bene con i bimbi fino ai tre anni e , da quanto mi raccontano, sembra ottenere interessanti risultati con l'attività in acqua anche perchè insegna ai genitori tutti gli esercizi da far svolgere ai bimbi in acqua . So di una famiglia che fa brevi cicli di tre giorni a Massa e poi ,al ritorno a casa, fa rifare gli stessi esercizi al bambino, pare con buoni risultati e miglioramenti nel movimento del braccio. Forse potrebbe essere utila anche per il tuo piccolino.
Ciao
Federica Gismondi

 


 

Messaggio inviato il 14/12/2010

ciao federica sono di nuovo io alessandra la mamma della piccola marinella,abbiamo fatto gli esami al polclinico di bari in quando in calabria da me non fanno elettromiografie a bambini inferiori all'età di 14anni!il dott di bari ke ha fatto l'elettromiografia mi ha detto espressamente ke non poteva emanare alla piccola scosse di 200kw in quando essendo vicino al cuoricino avremme potuto avere un arresto cardiaco e lui non poteva esporla aquesto rischio!ma gliela fatta ugualmente per vedere se il nervo era attivo erisulta attivo!per inviare i risultati al dott senes non sò come fare non ho il numero di fax e ne il suo numero ma solo il numero di reggio dove fà visita!se potresti inviarmi al più presto il suo numero di fax e il numero di tel provvederò a contattarlo il più presto possibile!saluto la mamma di aurora e la ringrazio x gli auguri,ke questo Santo natale porti tanta serenità e fiducia x il futuro dei nosti bimbi.

 


 

Messaggio inviato il 12/12/2010

ciao federica!come puoi vedere aspetto realmente con molta ansia la tua risp,cmq siamo stati 2volte dal dott senes ma x motivi di famiglia non mi è possibile andare questo mese,quindi ho dovuto disdire l'appuntamento,infatti lui ci aveva consigliato sia l'elettro ke l'ecotomografia,in pratica neanche l'eco è riuscita a darci risultati palesi,in pratica i risultati dicono:assenza di lesioni in corrispondenza della fossa sovraclaveare destra,perà essendo piccolina la dott ha detto ke non si può vedere un granchè.ed è per questo che ho cercato di contattarti subito,sò che non sei un dott ma sò anche da come leggo che hai risp a molti casi,quindi non sò se ti è capitato di ascoltare un caso del genere!il dott senes alla prima visita ci diceva ke probabilmente sono stati lesionati C5 C6 ma che avremmo dovuto fare questi accertamenti x poterci dire di più,il problema è che non mi è propio possibile andare questo mese è quindi per sentirmi un pò più sollevata ho chiesto a te che sicuramenta nè saprai pi di me.ancora grazie,aspetto una tua risp

Carissima amica, io vorrei sollevarti , lo sa Dio quanto vorrei, ma gli accertamenti devi farli anche vicino a casa tua ,come ti è stato suggerito dal dr. senes; poi gli mandi i risultati via fax o via e-mail, ma dovete farli; si avvicina il 4 mese di vita e bisogna capire di che tipo di lesione si tratta , se è necessaria una terapia specifica più o meno invasiva...
L'ecotomografia potete farla bene in qualsiasi ospedale o centro , no?! Non aspettate, perchè i tempi d'intervento specifico sono importamti: prima si interviene con la terapia giusta migliore è il risultato in termini di fun zionalità del braccio. Non tardare attivati subito
ciao
fedrica

 


 

Messaggio inviato il 12/12/2010

CIAO SONO LA MAMMA DI AURORA , VOLEVO DIRE ALLA SIGN.ALESSANDRA CHE MI FA PIACERE CHE REAGISCA E CHE VADA AVANTI SEMPRE .AURORA DOPO 5 ANNI E ARRIVATA A BUON PUNTO E RINGRAZIO MOLTO LA SUA VIVACITà XCHè SI E AIUTATA TANTO, IL DOTTR SENES E LA SUA TERAPISTA .IO NON SO SE AURORA DOVRà SUBIRE UNàLTRO INTERVENTO IN FUTURO MA VOGLIO PENSARE DI NO. AUGURI DI UN FELICE NATALE A TUTTI VOI A PRESTO.

 


 

Messaggio inviato il 11/12/2010

ciao federica!ieri ho fatto leggere la risp della prima email a mio marito,ke mia ha rimproverato dicendomi ke scrivere in maiuscolo sul computer significa urlare,chiedo scusa xkè non ne ero a conoscenza!cmq la piccola sta meglio e devo ammettere ke ha da poco compiuto 3 mesi ma già da poco prima lo muoveva con più facilità.vorrei farvi una domanda:ho letto ke ppotrebbe avvenire anche un recupero spontaneo,siccome vedo io mamma migliorameti significativi,tipo tirarsi il ciuccio,portarsi le manine alla boccuccia,vorrei in pratica chiedere a voi se anche i vostri bimbi aquesti mesi facevano ciò!non vorrei illudermi:comuque abbiamo fatto l'elettromiografia parziale ed i nervi risultano attivi anche se come la maggior parte dei dott non si sono esposti molto,ma penso ke sia una cosa positiva!aspetto con ansia una tua risp.mille grazie alessandra!

Carissima Alessandra,

io non sono un medico e penso che la valutazione debba farla un professionista che abbia esperienza nei trattamenti i paralisi ostetrica. So per certo che l'elettromiografia in un neonato non risponde ai quesiti importanti: si tratta di lesione o stiramento? dov'è situato il danno o la lesione parziale? quali nervi sono interessati?
Da ciò che racconti , i movimenti che dici fa la tua piccolina fanno ben sperare , ma ti consiglio di portarla al Gaslini perchè è importante che la veda il medico più competente che c'è , in modo da togliere ogni dubbio e ridarti serenità.
Ciao
Federica

 


 

Pag. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

 

   

NEWS

14/03/2016

Convegno NASCO BENE VIVO MEGLIO

18 Marzo 2016“NASCO BENE, VIVO MEGLIO: ITINERARI E LUOGHI DI PREVENZIONE e DI CURA. Sinergie, Collaborazioni, proposte metodologiche ed operative per la gestione del parto distocico e la cura della...